fbpx

Piste da sci: anche i più esperti corrono dei rischi (anche gravi!)

Sciare non è mai stato così sicuro: come tutelarsi da gravi danni a terzi

Dopo un anno circa di stop forzato causato dalla necessità di contenere i contagi da COVID 19, quest’anno gli impianti sciistici sono finalmente tornati operativi.

Gli appassionati di montagna hanno finalmente potuto infilare nuovamente gli sci e godere appieno dell’intera stagione invernale. Oltre alle regole Covid, come Green Pass e mascherina obbligatoria, tutti gli sciatori anche i non professionisti hanno dovuto dotarsi di un’assicurazione sciistica.

Una misura voluta per garantire un ritorno in pista in tutta sicurezza, in considerazione dei numerosi incidenti che ogni anno avvengono sulle piste da sci.

L’obbligo di essere muniti di tale polizza è stato sancito dal Decreto Legislativo 28 febbraio 2021, n. 40 in materia di sicurezza nelle discipline sportive invernali, che ha introdotto, a partire dal 1 gennaio 2022, l’obbligo di assicurazione RCT (Polizza della responsabilità civile terzi) per chiunque acceda alle piste da sci.

Si tratta dunque di un cambio radicale di marcia rispetto al passato, quando era solo il gestore dell’impianto a doversi dotare di un’assicurazione ai fini della responsabilità civile per danni causati agli utenti e a terzi per fatti derivanti da responsabilità del gestore. Da ora in avanti, invece, anche lo sciatore dovrà dotarsi di assicurazione con responsabilità civile verso terzi.

La regola generale è che in caso di scontro tra due sciatori si presume il concorso di colpa. Quindi per legge la colpa va ripartita equamente tra le persone coinvolte, e proprio in virtù di questo è divenuta fondamentale la polizza RC terzi, che sarebbe consigliabile abbinare ad una polizza infortuni.

Si possono trovare varie formule di polizze relative all’attività sciistica sia per durata che per tipologia: ne esistono di giornaliere, settimanali, stagionali o annuali (che, chiaramente, sono le più convenienti).

Molti però non sanno che tale copertura può essere inclusa nella polizza casa o che comunque si può acquistare per il nucleo famigliare, a prezzi decisamente inferiori rispetto alla stipula di una polizza giornaliera.

E’ importante però richiedere alla compagnia assicurativa di rilasciare una dichiarazione dove sono identificate tutte le persone, appartenenti al nucleo famigliare, coperte da tale polizza.

Ogni polizza avrà un massimale e una franchigia riferiti ai danni verso terzi.

E’ molto importante, al momento della stipula, assicurarsi che il massimale sia alto, poiché purtroppo non è difficile causare gravi lesioni fisiche; Nel caso di invalidità permanente causata a terzi, infatti, il costo potrebbe aggirarsi intorno al milione di euro (indicatore variabile ovviamente in base a molteplici fattori).

Per chi sarà sorpreso senza assicurazione, le sanzioni sono il ritiro dello skipass e multe da 100 a 150 euro.

Se sei un amante dello sci e cerchi la polizza assicurativa più adatta alle tue esigenze, visita la nostra sezione dedicata dove puoi trovare tutte le possibili soluzioni: polizza RC SCI

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *