fbpx

Quando avere un gatto può essere rischioso

Quando avere un gatto può essere rischioso

Il nostro amico felino è un avventuriero di natura, in lui la tendenza a esplorare è innata e fortissima. A causa di questa sua indole, possedere un gatto può comportare dei rischi da non sottovalutare. Quali sono i principali rischi per un gatto?

  1. INCIDENTI STRADALI. Il più grande dei pericoli per tutti gli animali domestici, in particolare proprio per i gatti che hanno maggior facilità nell’uscire dalle recinzioni delle abitazioni. Oltre che per la salute e la vita del proprio amico felino, la velocità con cui il gatto d’improvviso attraversa la strada può sorprendere i guidatori e causare incidenti anche di grande entità.

  2. PERDE LA STRADA DI CASA. Può capitare che un gatto rimanga chiuso dietro un portone, intrappolato in uno spazio ristretto (ad esempio una tubatura), o che salendo su un albero o su un tetto non riesca più a scendere. In questi casi è necessario l’intervento delle forze dell’ordine, come i vigili del fuoco.

  3. VICINI NEMICI. Chi ama i gatti non riesce a immaginare che possa esistere qualcuno che non vuole averli intorno, ma purtroppo è così. Alcune loro abitudini infatti possono causare qualche danno ai vicini di casa: possono sradicare fiori, distruggere aiuole scavando il terreno per fare i propri bisogni, ma possono anche aprire con le unghie i sacchetti della spazzatura.

  4. DANNI ALLE AUTO. Oltre agli incidenti che potrebbero causare alle auto in corsa, i gatti spesso hanno l’abitudine di passare il tempo sui cofani delle macchine per godere del calduccio del motore. In questo modo spesso possono graffiare la carrozzeria delle auto causando anche grossi danni.

  5. POSSONO FARE DEL MALE A QUALCUNO. Perché poco socievoli, ma molto più spesso perché spaventati, alcuni gatti possono anche reagire male alle attenzioni degli sconosciuti arrivando a graffiarli o morderli.

Tutti questi incidenti, oltre a essere spiacevoli, possono anche costare cari: secondo la legge 2052 del Codice Civile «il proprietario di un animale o chi se ne serve per il tempo in cui l’ha in uso, è responsabile dei danni cagionati dall’animale , sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito, salvo che provi il caso fortuito ». Come mettere al sicuro il proprio gattino da tutti questi rischi?

  1. Dotarlo di microchip

  2. Dotarlo di un collare con un numero di telefono

  3. Stipulare una polizza che tuteli i danni verso terzi

  4. Utilizzare i sistemi di localizzazione satellitare

Con questi accorgimenti il nostro gatto potrà godersi le sue passeggiate senza farci preoccupare. Per stare ancora più sereni, è possibile proteggere preventivamente lui e noi dai rischi più frequenti grazie a polizze dedicate, come ad esempio la polizza rc famiglia che non copre solamente l’animale ma tutti i membri della famiglia per i danni che possono causa a terzi nella vita privata e quotidiana, o anche la polizza casa comprensiva della copertura degli animali domestici. Al momento della stipula di queste polizze è importante porre attenzione su franchigia e scoperti. La natura fiera e selvaggia del nostro piccolo predatore non si può cambiare, ma possiamo prepararci al meglio per affrontare ogni imprevisto.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *